Il Coro

Il coro Komos - primo coro maschile gay d’Italia – diretto da Lorenzo Orlandi è stato fondato nel settembre 2008. Il primo gruppo di coristi, con la comune passione per la musica e il canto, ha svolto la propria attività corale in diverse sedi a partire dal Circolo Arcigay “Matthew Shepard” di Modena, poi a Bologna presso il Cassero, sede dell’Arcigay Nazionale, dove ha debuttato in marzo 2009. Successivamente presso i locali della Parrocchia di San Bartolomeo della Beverara ove gli è stata offerta cortese ospitalità dal parroco Don Nildo Pirani. Dal 2011 presso la Chiesa Evangelica Metodista di Bologna e Modena, in Via Giacomo Venezian, in pieno centro a Bologna a due passi da Piazza Maggiore e dalle Due Torri.

Da settembre 2012 il coro Komos ha aderito al progetto musicale  dell’omonima Associazione Culturale istituita nel luglio dello stesso anno, diventandone parte.
Il Coro ha così intensificato le sue esperienze musicali sia a livello nazionale, sia europeo, molto spesso con la collaborazione di noti artisti e professionisti della scena lirica e musicale italiana ed internazionale.

 

Il repertorio del Coro, in continua evoluzione, spazia dal Rinascimento al Romanticismo, dall’opera al Novecento fino alla contemporaneità, includendo prime esecuzioni italiane ed assolute (Romeu e eu, scritto per Komos da Antonio Giacometti, Divo e mortale di Mattia Culmone), oltre a brani pop in arrangiamenti originali.
Tra i tanti eccellenti musicisti che collaborano con il coro: i soprani Jessica Pratt, Tiziana Tramonti, Eleonora Cilli, Caterina Di Tonno, Arianna Donadelli, il mezzo Federica Carnevale, il controtenore Flavio Ferri Benedetti, i tenori Enea Scala e Jason Ferrante, i baritoni Alfonso Antoniozzi e Giorgio Caoduro e i poliedrici ed inclassificabili Michael Aspinall e Drusilla Foer.